• Via dei Principati, 17
    84122 Salerno (SA), Italy
  • + 39 089 9253224
    info@rethink.srl

Efficienza Energetica: partito il Fondo Nazionale per sostenere interventi di efficientamento per imprese e PA.

Partito il Fondo Nazionale Efficienza Energetica per sostenere interventi di efficientamento di imprese e PA.

Pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 6 marzo 2018 il decreto attuativo del Fondo Nazionale efficienza energetica che sostiene gli interventi di efficienza energetica realizzati dalle Imprese e dalla Pubblica Amministrazione su immobili, impianti e processi produttivi. Nello specifico:

  • la riduzione dei consumi di energia nei processi industriali;
  • la realizzazione e l’ampliamento di reti per il teleriscaldamento;
  • l’efficientamento di servizi ed infrastrutture pubbliche, inclusa l’illuminazione pubblica;
  • la riqualificazione energetica degli edifici.

Dotazione e gestione finanziaria del Fondo Nazionale Efficienza Energetica

Per l’avvio della fase operativa, il Fondo potrà contare su 150 milioni di euro già resi disponibili dal Ministero dello Sviluppo economico, che destinerà anche ulteriori 100 milioni di euro nel triennio 2018-2020. Il Fondo sarà, inoltre, alimentato con le risorse messe a disposizione dal Ministero dell’Ambiente. Con i 150 milioni già disponibili si stima una mobilitazione di investimenti nel settore dell’efficienza di oltre 800 milioni di euro. Le risorse del Fondo Nazionale efficienza energetica saranno gestite da INVITALIA.

Le sezioni

Il Fondo ha una natura rotativa e si articola in due sezioni che operano per:

  1. la concessione di garanzie su singole operazioni di finanziamento (30% del Fondo, di cui il 30% destinato a reti o impianti di teleriscaldamento);
  2. l’erogazione di finanziamenti a tasso agevolato (70% del Fondo, di cui il 20% destinato alle PA);

Soggetti beneficiari

  • Imprese di tutti i settori (comprese le ESCo, di cui abbiamo parlato qui), in forma singola o in forma aggregata o associata, a condizione che:
    • Siano costituite da almeno due anni ed iscritte nel registro delle imprese;
    • Tengano contabilità separata dell’operazione;
    • Trovarsi in regola con il Regolamento GBER e de Minimis;
  • Pubbliche amministrazioni, in forma singola o in forma aggregata o associata
Leggi anche  PSR Campania T.I. 4.1.4: contributi per la gestione della risorsa idrica nelle aziende agricole

IMPRESE ED ESCO

  Tipologie di intervento agevolabili

  • miglioramento dell’efficienza energetica dei processi e dei servizi, ivi inclusi gli edifici in cui  viene  esercitata l’attività economica;
  • installazione o potenziamento di reti o impianti per il teleriscaldamento e per il teleraffrescamento efficienti;

Forma delle agevolazioni

  1. garanzia su singole operazioni di finanziamento, con un importo garantito compreso tra un minimo di euro 150.000 e un massimo di 2,5 milioni di euro.
  2. finanziamento agevolato per gli investimenti, fino al 70% dei costi agevolabili, a un tasso fisso pari a 0,25% e della durata massima di dieci anni, oltre a un periodo di utilizzo e preammortamento non superiore a tre anni, da un minimo di euro 250.000 ad un massimo di euro 4.000.000.

Le agevolazioni sono cumulabili con altre agevolazioni (nel rispetto del De Minimis) e con il meccanismo dei Certificati bianchi. In ogni caso l’impresa beneficiaria deve apportare un contributo finanziario proprio non inferiore al 15 per cento del costo del progetto.

ENTI PUBBLICI

Tipologie di intervento agevolabili

  • miglioramento dell’efficienza energetica dei servizi e/o delle infrastrutture pubbliche, compresa l’illuminazione pubblica;
  • miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici di proprieta’ della Pubblica Amministrazione;
  • miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici destinati ad uso residenziale, con particolare riguardo all’edilizia popolare.

Forma delle agevolazioni

Finanziamento agevolato per gli investimenti, fino al 60% dei costi agevolabili (80% per infrastrutture pubbliche), a un tasso fisso pari a 0,25% e della durata massima di d15 anni, oltre a un periodo di utilizzo e preammortamento non superiore a tre anni, da un minimo di euro 150.000 ad un massimo di euro 2.000.000.

Le agevolazioni sono cumulabili con altri incentivi, nei limiti di un finanziamento complessivo massimo pari al 100 % dei costi ammissibili.

Leggi anche  Agevolazioni imprese energivore: al via la possibilità di richiedere gli sconti in bolletta

Presentazione delle domande

Presentazione per via telematica ad INVITALIA (modalità ancora da definire)

Scadenza

Fino ad esaurimento del Fondo.

 

Qui il link al sito web ufficiale del Fondo Nazionale Efficienza Energetica

 


Per qualsiasi informazione ulteriore, puoi contattarci utilizzando il seguente modulo:

Invia la tua bolletta

Acconsento al trattamento dei miei dati personali nel rispetto della Normativa sulla Privacy D. Lgs.196/2003

Potrebbero interessarti

Kit fotovoltaici per abitazioni e piccole attività... Con un impianto fotovoltaico, riduci sensibilmente la bolletta elettrica. In più, con le detrazioni fiscali, recuperi il 50% di quello che hai speso....
Bando voucher digitali I4.0 Anno 2017 della Camera... Bando voucher digitali I4.0 della Camera di Commercio di Salerno: approvato il progetto “Punto Impresa Digitale” (PID), al fine di promuovere la diffu...
Virtual Energy Management Con la Formula Digital Energy offriamo una soluzione integrata per monitorare i tuoi consumi e personale qualificato per interpretare i dati e farti r...
 Tags: , , , ,
Share

Posts by 

Newsletter

Ricerca bandi e contributi

Seguici anche su Telegram!

Enter your keyword:

Ciao!

Ogni settimana selezioniamo le opportunità più interessanti: incentivi, contributi e fondi per far partire investimenti o progetti.

Non perdere nessuna occasione, iscriviti al nostro servizio di aggiornamento gratuito per ricevere le ultime notizie.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: