“Cultura Crea”, un bando da 107 Milioni di € di per creare e sviluppare iniziative imprenditoriali nel settore dell’industria culturale-turistica nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

È promosso dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MIBACT) per sostenere la filiera culturale e creativa delle regioni interessate e consolidare i settori produttivi collegati, rafforzando la competitività delle micro, piccole e medie imprese (Asse Prioritario II – PON FESR 2014-2020 “Cultura e Sviluppo”).

Obiettivi

Il programma prevede tre linee di intervento per:

  • supportare la nascita di nuove imprese nei settori “core” delle cosiddette industrie culturali, promuovendo processi di innovazione produttiva, di sviluppo tecnologico e di creatività
  • consolidare e sostenere l’attività dei soggetti economici esistenti nella filiera culturale, turistica, creativa, dello spettacolo e dei prodotti tradizionali e tipici, promuovendo la realizzazione di prodotti e servizi finalizzati all’arricchimento, diversificazione e qualificazione dell’offerta turistico-culturale degli ambiti territoriali di riferimento degli attrattori
  • favorire la nascita e la qualificazione di servizi e attività connesse alla gestione degli attrattori e alla fruizione e valorizzazione culturale, realizzate da soggetti del terzo settore

Le agevolazioni sono finanziate con le risorse del Programma Operativo Nazionale “Cultura e Sviluppo” FESR 2014-2020.

Le risorse disponibili ammontano complessivamente a circa 107 milioni di euro, così suddivisi:

  • 42 mlilioni per la nascita di nuove imprese
  • 38 milioni per il sostegno alle imprese già attive
  • 27 milioni per il terzo settore

E’ prevista una dotazione finanziaria aggiuntiva di 7 milioni di euro da ridistribuire proporzionalmente sui tre filoni.

“Cultura Crea” è gestito da Invitalia, che valuta i business plan, eroga i finanziamenti e monitora la realizzazione dei progetti d’impresa.

A chi è rivolto

“Cultura Crea” si rivolge alle PMI dell’industria culturale e creativa, inclusi i team di persone che vogliono costituire una società, e ai soggetti del terzo settore che vogliono realizzare i loro progetti di investimento in Basilicata, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia (destinatarie dell’intervento PON 2014-2020 Cultura e sviluppo).

Leggi anche  1000 Grazie! In regalo l'elenco misure del PSR Campania per Enti Pubblici

In particolare:

– l’incentivo per la “Creazione di nuove imprese nell’industria culturale” finanzia:

  • team di persone fisiche che vogliono costituire una impresa, purché la costituzione avvenga entro 30 giorni dalla comunicazione di ammissione alle agevolazioni.
  • le imprese costituite in forma societaria da non oltre 36 mesi, comprese le cooperative

Si può ottenere:

  • un finanziamento agevolato a tasso zero a copertura del 40% delle spese ammissibili. Per ottenere il finanziamento agevolato non sono necessarie garanzie.
  • un contributo a fondo perduto fino a copertura del 40% delle spese ammissibili.

per programmi di investimento fino a 400 mila €.

– l’incentivo per lo “Sviluppo delle imprese dell’industria culturale” finanzia: 

le imprese costituite in forma societaria  da non meno di 36 mesi, comprese le cooperative, operative in specifici Comuni delle Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia inseriti nell’elenco delle aree di attrazione culturale delle Regioni.

Si può ottenere:

  • un finanziamento agevolato a tasso zero a copertura del 60% delle spese ammissibili. Per ottenere il finanziamento agevolato non sono necessarie garanzie
  • un contributo a fondo perduto a copertura del 20% delle spese ammissibili.

per programmi di investimento fino a 500 mila €.

– l’incentivo per il “Sostegno ai soggetti del terzo settore dell’industria culturale” finanzia imprese e soggetti del terzo settore.

In particolare ONLUS ed imprese sociali operative in specifici Comuni delle Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia inseriti nell’elenco delle aree di attrazione culturale delle Regioni.

Si può ottenere un contributo a fondo perduto fino all’80% delle spese ammissibili (90% in caso di imprese no profit) per programmi di investimento fino a 400 mila €.

Cosa offre

Finanziamento agevolato a tasso zero e contributo a fondo perduto sulle spese ammesse, con una premialità aggiuntiva per giovani, donne e imprese con rating di legalità. Gli incentivi, concessi nell’ambito del regolamento de minimis, possono coprire fino all’80% delle spese totali, elevabili al 90% in caso di premialità.

Leggi anche  Rimborso IRAP al 100% per le startup campane

Presentazione delle domande

Le domande possono essere presentate solo online dalle ore 12.00 del 15 settembre 2016 tramite il portale di Invitalia.

Deve contenere i dati anagrafici, il profilo del team e il business plan completo di:

  • descrizione dell’attività proposta
  • analisi del mercato e strategie
  • aspetti tecnico-produttivi ed organizzativi
  • aspetti economico finanziari

Scarica il materiale informativo:

 


Possiamo supportarti nella definizione della proposta progettuale, nello sviluppo del business plan, nella predisposizione della documentazione occorrente a presentare la domanda di finanziamento.

Vuoi maggiori informazioni sul bando “Cultura Crea”? Lasciaci i tuoi recapiti e sarai subito ricontattato:




Potrebbe interessarti
Filter by
Post Page
PMI Startup Privato Industria Beneficiario Ente pubblico Fotovoltaico Solare Termico Luce e Gas Monitoraggio Energia Dall'Europa Ambiente
Sort by